Dove finisce la vita e inizia il romanzo?

Jasna Nadarjević, 43 anni, viene trovata assassinata nel proprio appartamento a Milano. Immigrata dalla Bosnia tanti anni prima, Jasna era riuscita a integrarsi e a lavorare come fotogrofa, nonostante i pregiudizi e nonostante un marito violento. Sul suo delitto indaga il colonnello dei Carabinieri Valerio De Valera, che si trova ad affrontare quella che potrebbe essere una confessione o una strana coincidenza: il delitto, infatti, sembra ricalcare la trama di un romanzo giallo uscito in allegato a un quotidiano nazionale. A quel punto Paolo Brera, l’autore, diventa il primo sospettato e per lui inizia un calvario fatto di indizi che sembrano portare senza ombra di dubbio a lui.

Informazioni bibliografiche

ISBN: 9788894909272
Collana: Periferie
Genere e temi trattati: Noir | Giallo | Metanarrazione
Data di uscita: Febbraio 2019
Pagine: 128

  • icon
Paolo Brera

Paolo Brera

Autore

Paolo Brera, milanese, è scrittore, traduttore e giornalista. Uscito dalla Bocconi, ha lavorato in quella e in altre università come assistente di Storia economica, poi di Diritto privato comparato, Economia politica e Marketing. Dopo un intervallo dedicato all’esportazione di prodotti petroliferi, negli anni Ottanta si è dedicato prevalentemente al giornalismo, e dopo il 2000 sopra tutto alla narrativa e alla poesia, pubblicando diversi romanzi polizieschi e di fantascienza, uno studio sull’economia mondiale, tre raccolte di poesie e un progetto letterario incentrato sulla figura di Don Giovanni. Come traduttore Brera ha volto in italiano dalle rispettive lingue originali opere di Balzac, Puškin, Zorrilla, Turgenev, Sienkiewicz, Machado de Assis, Vazov, Jan Neruda, Caragiale e altri.

Ma l'avete letto il giallo che danno via insieme al giornale?
Parla della morta, di quella slava…
Descrive com'è stata uccisa…
Con tutti i particolari!

La voce dell’acqua

la lettura di questo libro spalanca una porta sulla contaminazione tra finzione e realtà su cui vale la pena di riflettere. Quante volte l'una ci viene venduta per l'altra? In quante occasione fatti veri ci vengono presentati come leggende metropolitane e fake news invece come realtà inconfutabili?

Andrea Carlo Cappi | Border Fiction

Se state cercando qualcosa di diverso dal solito, che vi incuriosisca e che non vi metta in testa scene sanguinolente che vi toglieranno il sonno per due settimane, allora acquistate il romanzo di Paolo Brera. Vi farà un’ottima compagnia.

Giulia Mastrantoni | Sugar Pulp

Recensioni

Paolo Brera [...] in ossequio alle leggi della letteratura, che intessono il reale con i loro iridescenti fili e lo rendono diverso da sé, eppure sempre lo stesso, edificando un sistema escheriano di riferimenti e scatole cinesi in cui si resta avvinti e affascinati, narra con brillantezza appassionante la storia dell’assassinio di una donna che pare assai simile a quello raccontato in un giallo allegato a un giornale da uno scrittore, Paolo Brera, su cui dunque si addensano i sospetti. E… Da non perdere.

Gabriele Ottaviani | Convenzionali

Interessante il confronto fra realtà vera e realtà di finzione. Una lettura scorrevole e ironica, piacevole e ben strutturata la scrittura. Consigliato.

Federica Belleri | Liberi di Scrivere

Il futuro degli altri di Paolo Brera è un romanzo audace e innovativo che non mancherà di affascinare i lettori spingendoli sempre oltre il limite delle loro capacità e facoltà tanto deduttive che abduttive, declinando nel contempo aspetti tematici di stringente attualità ma sempre sul filo sottile eppure binario dell’ambiguità, della commistione e della confusione di livelli che lungi dal disorientare costituiscono semmai inaspettate interazioni per arrivare a comprendere una delle verità che maggiormente investono il nostro presente: «I livelli di realtà sono tanti, l’unico limite è la possibilità».

Sara Minervini | 4.0 Blog

Articoli correlati

L’ultimo numero di Tex sottobraccio. Tributo a Paolo Brera di Stefano Mazzesi

Il 21 febbraio scorso moriva Paolo Brera. Un infarto mentre si trovava in metropolitana. Poche ore prima aveva presentato il suo ultimo romanzo intitolato “Il futuro degli altri”, si era trattenuto a cena e stava tornando a casa.
Da quei giorni non ne abbiamo più parlato, non ne abbiamo avuto la forza. Oggi vogliamo ricordare.

“Da non perdere”

Paolo Brera […] in ossequio alle leggi della letteratura, che intessono il reale con i loro iridescenti fili e lo rendono diverso da sé, eppure