Un thriller che non è "solo" un thriller, ma un romanzo che parla di follia, di solitudini,
di sete di giustizia

Milano. In un torrido agosto che sembra non avere mai fine, un anziano uccide la moglie a colpi di accetta. Sulla scena arriva l’ispettore Enea Cristofori, impegnato a seguire altri casi di morti che come sfondo comune sembrano avere il male di vivere, reso più cupo dal caldo opprimente e dalla solitudine di una metropoli svuotata per le vacanze estive.

Normale amministrazione, per quanto tragica. Ma la spiegazione più semplice non sembra convincere Enea, che inizia un’indagine da cui affiorano ricordi che credeva sepolti e indizi inquietanti.

Informazioni bibliografiche

ISBN: 9788894909302
Collana: I Gechi
Genere e temi trattati: Thriller psicologico | Investigazione scientifica | Ingiustizia sociale | Solitudine
Data di uscita: Ottobre 2018
Pagine: 148

Cristina Brondoni

Cristina Brondoni

Autore

Cristina Brondoni vive a Milano con marito e due gatte. Fa la giornalista e la criminologa. Ha scritto diversi saggi (Dietro la scena del crimine – Morti ammazzati per fiction e per davvero per Las Vegas Edizioni; insieme a Luciano Garofano, Il soccorritore sulla scena del crimine per Edizioni Giuridiche Simone; Sembrava un incidente – Staging sulla scena del crimine per Aras Edizioni). Per tre anni è stata ospite fisso, come criminologa, di TgCom24. Da anni collabora con l’ex comandante del Ris di Parma, Luciano Garofano, in casi di omicidio, suicidio e morti sospette. Nei weekend, invece di stare a casa, tiene conferenze e docenze.
Voglio vederti soffrire è il suo primo romanzo.

A volte, fare del male è disperatamente semplice.
Basta volerlo.

Voglio vederti soffrire

Sarebbe davvero troppo facile dire che è un buon romanzo perché l’autrice ha cucinato una ricetta che conosceva alla perfezione. Non è così. Il libro funziona perché è vero che la Brondoni sa di cosa parla, ma la trama è solo un ingrediente che rende interessante questo giallo.

Antonia Del Sambro | La Bottega del Giallo

È interessante la scelta di rivelare sin da subito l’identità del colpevole, un po’ come fa Deaver, per poi seguirlo man mano che la trama si intrica. Non mancano gli spunti di riflessione, che purtroppo non posso condividere con voi causa rischio spoiler.

Giulia Mastrantoni | Oubliette Magazine

Recensioni

... intrigante, notevole e ricco di incentivi alla riflessione (che fanno la differenza tra un libro e un buon libro e tra un buon libro e una puntata di una qualunque serie o spettacolo televisivo)...

Sara Minervini | 4.0 Blog

... un intreccio di storie apparentemente slegate che trovano congiungimento nell’ansia del lettore e nell’epilogo agghiacciante e imprevisto che coinvolge intimamente, trascinando nel ritmo convulso di parole, immagini e fatti, e porta a riflettere. Siamo davvero al sicuro? Dove si nasconde il male? ...

Emma Fenu | Cultura al femminile

“Voglio vederti soffrire” è senza dubbio un romanzo che si fa ricordare, grazie anche ad alcuni personaggi veramente memorabili – e, come ho già scritto, a un finale veramente incredibile.

Marco Piva | Contorni di Noir

Articoli correlati

Clown Bianco a Bookcity Milano

Ci saremo anche noi a Bookcity Milano, la manifestazione che trasforma la città in una meravigliosa libreria a cielo aperto.
L’appuntamento è all’Arci Bellezza, che per tre giorni si trasforma nella casa del noir italiano.

Un thriller psicologico

C’era una volta una bambina con i riccioli scuri e composti, la bocca arcuata in un sorriso e grandi occhi marroni.

Clown al #SalTo19

Il 9 maggio debutta il Salone Internazionale del Libro di Torino e noi ci saremo! Ci trovate al grande stand Goodfellas e, il 9 maggio, con un’anteprima assoluta.