fbpx

Recensioni&Interviste

Beatrice Galluzzi recensisce “Luce”

Leggete questo libro per tornare al momento inafferrabile in cui avete scelto di diventare quello che siete, che è precisamente lo stesso in cui vi è sfuggito di mano anche il contegno approntato dai vostri genitori. E se fosse scegliendo la strada sbagliata che si arriva nel posto giusto? Continua a leggere su Donne Difettose

Leggi »

Gabriele Ottaviani recensisce “Diablo”

Il romanzo di Capponi è una perla rara: intenso, avvolgente, intelligente, credibile, coinvolgente, potente, forte, vibrante, ben scritto, ben costruito, raffinato, caleidoscopico, organizzato con magistrale cura fin nel dettaglio, connotato con precisione, con un ritmo sopraffino e un finale perfetto e sorprendente. Ottimo. Continua a leggere su Convenzionali

Leggi »

Feel the Book recensisce “Diablo”

Nessuno è ciò che sembra, nessuno è innocente: si può solo leggere, scoprendo con quanta maestria Paolo Capponi stia catturando ogni lettore e tessendo il suo arazzo. Continua a leggere su Feel the Book

Leggi »

“Ogni azione ha un peso, anche se fatta con leggerezza”

Un’opera che vede l’autore soffermarsi soprattutto sull’aspetto psicologico che porta i due protagonisti a intraprendere la strada del matrimonio. “Leo è più maturo, ma succube, Ilaria è attratta dalle apparenze, e una volta sposata si sente come svuotata. Le loro vite cambieranno, Leo vedrà Ilaria come una sirena crudele che si è mangiata la sua esistenza. Ilaria, anche attraverso l’esperienza al Pink Velvet, locale di spogliarelliste, capirà molte cose di se stessa. Ma anche Leo imparerà qualcosa, ovvero che le azioni hanno un peso, anche se fatte con tutta la leggerezza del mondo. Leggi tutta la recensione cliccando sul nome dell’autrice. Giada Rapa | SullaScia.net

Leggi »

“Un’opera di grande spessore”

L’autore presenta al lettore un’opera di grande spessore, dove l’ambientazione storica è ottimamente ricostruita, sicuramente con un lavoro accurato sulle fonti. I personaggi si muovono ognuno nella sua epoca, colti ognuno nella propria esistenza e nei propri disagi, invischiati loro malgrado in una storia che, pur avendo sommerso già molti innocenti, li vedrà uscirne  a testa alta.I figli dell’oblio è una lettura obbligata, sopratutto per chi apprezza la storia contemporanea e non disdegni di avventurarsi anche in periodi più controversi, come quelli delle dittature. Epoche difficili da trattare, se non con  destrezza. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autrice. Silvia Causale | Storie di Storia

Leggi »

“Una storia che fa riflettere”

La storia di Luce è una storia di crescita, di maturazione e soprattutto di affermazione. Gli autori descrivono con precisione quel momento in cui i bisogni di un’altra persona diventano più importanti dei nostri e vorremmo solo dirgli: «Ci sono io con te, non sei solo». Clicca sul nome dell’autrice per leggere la recensione: Vittoria Gravina | Sul Romanzo

Leggi »

“Assolutamente da leggere”

Un’opera nient’affatto scontata, presentata con serietà, con una trama difficile svolta in modo chiaro. Immediata è la comprensione e l’immersione nella storia.“Luce” si rivela romanzo radicato nella sfera sociale ed individuale delle persone, consigliato a tutti coloro che amano addentrarsi nei misteri della vita vera, con i suoi pro e contro. Clicca sul nome dell’autrice per leggere la recensione: Tatiana Vanini | Libri e Recensioni

Leggi »

“Intenso, formidabile”

Un ottimo romanzo che si legge con passione, una storia avvincente e intrigante di riscatto sociale con una protagonista che persiste nella memoria e la cui immagine vellica la potenza delle emozioni. Clicca sul nome dell’autore per leggere tutta la recensione: Gabriele Ottaviani / Convenzionali

Leggi »

Agile e ironico: consigliatissimo.

Stile fresco con un ritmo narrativo scorrevole, agile e divertente/ironico, storia con finale a sorpresa (niente spoiler!). Analisi finale: Muschi Alti è un romanzo sul mondo contemporaneo e su come ciascuno di noi abbia una considerazione delle cose o, a volte, delle persone come un oggetto a proprio uso e consumo, senza alcuna considerazione per “l’altro”. Leggi su: Passione Libro

Leggi »

Un libro che ho letto voracemente in due pomeriggi e che credo ricorderò per molto tempo

Andrea Malabaila ci regala uno scorcio di vita vera, e lo fa in maniera fresca e coinvolgente, portandoci a riflettere sui meccanismi in cui spesso ci si può ritrovare imbrigliati, quasi senza neanche rendercene conto e su come questi meccanismi possano essere un’arma da utilizzare per dare una svolta alla propria vita. I personaggi sono caratterizzati in maniera molto precisa, tanto da avere la sensazione di conoscerli davvero, di assistere davvero alle loro vite, di averli incontrati almeno una volta sulla nostra strada. Forse proprio perchè le strade vere sono piene di Leo e di Ilaria, che dietro ad espressioni apparentemente serene nascondono un mondo fatto di mancanze, di sofferenze, di necessità di rivalsa, di risalita e di nuovi inizi. Forse proprio perchè questa storia potrebbe essere vissuta da chiunque. Continua a leggere cliccando sul nome dell’autrice. Daniela | Un libro per amico

Leggi »

Quando le sirene ti sconvolgono la vita

Ora se in tutto questo vi state chiedendo cosa c’entra la vita sessuale delle sirene e se, soprattutto, anche voi ogni tanto vi chiedete come si riproducono le sirene, ecco io non ve lo dirò. Lascio che sia Ugo Rizzi a raccontarvelo, che ha molte più teorie in merito. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autrice. Anna Chiara Stellato | Grado Zero

Leggi »

“Il divertimento è assicurato”

Un romanzo leggero e divertente, e un vero omaggio al cinema degli anni che furono. Ottima, efficace e senza fronzoli la scrittura di Rezzonico. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Gianluca Gemelli | Te la do io la narrativa!

Leggi »

Il Mattino di Padova intervista Zeno Cavalla

“Una storia di amicizia, amore, divertimento, avventura”

Leggi »

“Breve, brioso, ironico e intelligente”

La cornice è certo surreale, il messaggio che presenta invece no. Achille è l’espressione incarnata di un certo tipo di gioventù: spaesata, precaria, ai margini di quella vita dalle sorti magnifiche e progressive che secondo certi stereotipi mediatici dovrebbe caratterizzare una determinata fase della nostra esistenza. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autrice. Sara Minervini | 4.0Blog

Leggi »

Un giallo coi fiocchi

I cani stanno per tornare, e… Avete presente quando si dice un giallo coi fiocchi? Ecco, è questo il caso. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Gabriele Ottaviani | Convenzionali

Leggi »

La Stamberga d’Inchiostro intervista Nicola Arcangeli

A tu per tu con Nicola Arcangeli Come è nata l’idea di Rimini Graffiti? Rimini Graffiti può apparire come un omaggio a Stephen King e lo è, non lo nego, ma la sua origine sta nei ricordi d’infanzia che mi legano a Rimini, la città dei miei genitori e dove ogni anno, fino all’età adulta, passavo una bella fetta delle mie vacanze estive. Grazie ai miei ho vissuto tante emozioni che mi porto ancora dentro e che ho cercato di condividere, pur filtrate da una storia nera. C’è un episodio che ti si è delineato prima degli altri? L’episodio di apertura, quello ambientato al Kursaal (stabilimento balneare celebre in tutta Europa in quegli anni) nell’inverno del 1929, durante i giorni del nevone, un fatto storico che si collega ad un altro emblema della Rimini che non c’è più, il Kursaal appunto. Per leggere l’intervista completa clicca qui.

Leggi »

Andrea Rezzonico ha scritto un libro d’invidiabile leggerezza

Non volendo comunque spoilerare eccessivamente – perché questo non è un metaromanzo, ma un romanzo in cui la storia ha una sua importanza – basti sapere che il testo possiede il gran pregio di una prosa scorrevole e senza intoppi, ed è privo di avvitamenti e pesantezze inutili. Rezzonico dimostra inoltre grande inventiva, senso del ritmo e notevoli capacità nella creazione della struttura narrativa. Le scene si susseguono con naturalezza e ogni capitolo è scritto in modo tale da spingere il lettore a voler sapere cosa accadrà nel successivo… (cliccare sul nome dell’autore per leggere tutta la recensione.) Matteo Fais | Pangea.news

Leggi »

Lo stile di scrittura di Nicola Arcangeli è appassionante

Lo stile di scrittura di Nicola Arcangeli è appassionante e davvero molto accurato, si percepisce il grande lavoro di ricostruzione del passato e la passione per farlo nel migliore dei modi. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Deborah | La Stamberga d’Inchiostro

Leggi »