fbpx

Recensioni&Interviste

“Non era neanche il mio tipo”, commento critico di Luigi Viola

«Non era neanche il mio tipo» è il bel romanzo che Carlo Longo ha voluto regalarci come prova d’esordio, conseguente alla sua lunga, inesausta e vitale passione per la letteratura, la quale trova ora nuovo ardore in una scrittura inedita, irruenta e tormentata.

Leggi »

Tutta colpa di Jack: “Ironia lucida e dissacrante”

Chi non ha collezionato nella propria esistenza qualche disastrosa storia d’amore? Azzardo un “chiunque”. E se siete parte di quello sparuto manipolo di fortunatissimi che in amore non hanno mai sbagliato un colpo allora, ok, di questo romanzo vi perderete la forte componente di partecipazione emotiva per apprezzarne appieno le pagine.  Tornando a noi, quanti sarebbero disposti però a parlarne a cuore aperto? No, dai, davvero pochissimi. Perché sono tanti gli iceberg contro i quali ci siamo schiantati tutti, un po’ come il Titanic, in quella fredda notte di inizio secolo, ma confessarlo è per pochi coraggiosi.  E questa si dimostra Alice M., contemporanea trentenne, che ripercorre con lucidità e dissacrante ironia le tappe fondamentali della propria vita sentimental-sessuale a partire dalla visione a dodici anni  del blockbuster “Titanic”. […] LEGGI TUTTA LA RECENSIONE SU CRUNCHED

Leggi »

Fragili omicidi per un commissario: “Speriamo sia il primo di una serie”

[…] si spera possa essere solo la prima stagione di una serie dove trovare e ritrovare ancora due figure (letterarie certo) che pur radicate nel tessuto del genere poliziesco apportano nuova linfa, accendono nuove fantasie, nutrono nuove passioni. Senza scomodare paragoni oziosi, Fragili omicidi per un commissario di Nevio Galeati entra in punta di piedi in un panorama mai saturo e lo fa con una personalità che è proprio quella che esclude confronti con precedenti illustri: se, come ormai sembra palese, l’originalità è morta (o comunque agonizza, non solo in letteratura), non resta che lavorare sulla personalità, sull’identità, su tutto quanto ci si presenta come esperienza unica e irripetibile perché tagliata secondo una prospettiva differente. Da qui il mio consiglio di approfittare di questa raccolta per trovare non solo una lettura che con il suo ritmo lento e malinconico potrà accompagnare questa transizione da una stagione all’altra che è sempre e inevitabilmente marcata da un certo qual senso di inquietudine e nostalgia (come le foglie morte della bellissima copertina di ©Mario Tomaso Bolis), ma anche una rinnovata cifra stilistica e affabulatoria di un genere che non si esaurisce mai e trova sempre forme, storie e discorsi, in grado di rinnovarsi nel tempo. LEGGI TUTTA LA RECENSIONE SU BLOG 4.0

Leggi »

Un libro che ho letto voracemente in due pomeriggi e che credo ricorderò per molto tempo

Andrea Malabaila ci regala uno scorcio di vita vera, e lo fa in maniera fresca e coinvolgente, portandoci a riflettere sui meccanismi in cui spesso ci si può ritrovare imbrigliati, quasi senza neanche rendercene conto e su come questi meccanismi possano essere un’arma da utilizzare per dare una svolta alla propria vita. I personaggi sono caratterizzati in maniera molto precisa, tanto da avere la sensazione di conoscerli davvero, di assistere davvero alle loro vite, di averli incontrati almeno una volta sulla nostra strada. Forse proprio perchè le strade vere sono piene di Leo e di Ilaria, che dietro ad espressioni apparentemente serene nascondono un mondo fatto di mancanze, di sofferenze, di necessità di rivalsa, di risalita e di nuovi inizi. Forse proprio perchè questa storia potrebbe essere vissuta da chiunque. Continua a leggere cliccando sul nome dell’autrice. Daniela | Un libro per amico

Leggi »

Quando le sirene ti sconvolgono la vita

Ora se in tutto questo vi state chiedendo cosa c’entra la vita sessuale delle sirene e se, soprattutto, anche voi ogni tanto vi chiedete come si riproducono le sirene, ecco io non ve lo dirò. Lascio che sia Ugo Rizzi a raccontarvelo, che ha molte più teorie in merito. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autrice. Anna Chiara Stellato | Grado Zero

Leggi »

“Il divertimento è assicurato”

Un romanzo leggero e divertente, e un vero omaggio al cinema degli anni che furono. Ottima, efficace e senza fronzoli la scrittura di Rezzonico. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Gianluca Gemelli | Te la do io la narrativa!

Leggi »

Il Mattino di Padova intervista Zeno Cavalla

“Una storia di amicizia, amore, divertimento, avventura”

Leggi »

“Breve, brioso, ironico e intelligente”

La cornice è certo surreale, il messaggio che presenta invece no. Achille è l’espressione incarnata di un certo tipo di gioventù: spaesata, precaria, ai margini di quella vita dalle sorti magnifiche e progressive che secondo certi stereotipi mediatici dovrebbe caratterizzare una determinata fase della nostra esistenza. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autrice. Sara Minervini | 4.0Blog

Leggi »

Un giallo coi fiocchi

I cani stanno per tornare, e… Avete presente quando si dice un giallo coi fiocchi? Ecco, è questo il caso. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Gabriele Ottaviani | Convenzionali

Leggi »

La Stamberga d’Inchiostro intervista Nicola Arcangeli

A tu per tu con Nicola Arcangeli Come è nata l’idea di Rimini Graffiti? Rimini Graffiti può apparire come un omaggio a Stephen King e lo è, non lo nego, ma la sua origine sta nei ricordi d’infanzia che mi legano a Rimini, la città dei miei genitori e dove ogni anno, fino all’età adulta, passavo una bella fetta delle mie vacanze estive. Grazie ai miei ho vissuto tante emozioni che mi porto ancora dentro e che ho cercato di condividere, pur filtrate da una storia nera. C’è un episodio che ti si è delineato prima degli altri? L’episodio di apertura, quello ambientato al Kursaal (stabilimento balneare celebre in tutta Europa in quegli anni) nell’inverno del 1929, durante i giorni del nevone, un fatto storico che si collega ad un altro emblema della Rimini che non c’è più, il Kursaal appunto. Per leggere l’intervista completa clicca qui.

Leggi »

Andrea Rezzonico ha scritto un libro d’invidiabile leggerezza

Non volendo comunque spoilerare eccessivamente – perché questo non è un metaromanzo, ma un romanzo in cui la storia ha una sua importanza – basti sapere che il testo possiede il gran pregio di una prosa scorrevole e senza intoppi, ed è privo di avvitamenti e pesantezze inutili. Rezzonico dimostra inoltre grande inventiva, senso del ritmo e notevoli capacità nella creazione della struttura narrativa. Le scene si susseguono con naturalezza e ogni capitolo è scritto in modo tale da spingere il lettore a voler sapere cosa accadrà nel successivo… (cliccare sul nome dell’autore per leggere tutta la recensione.) Matteo Fais | Pangea.news

Leggi »

Lo stile di scrittura di Nicola Arcangeli è appassionante

Lo stile di scrittura di Nicola Arcangeli è appassionante e davvero molto accurato, si percepisce il grande lavoro di ricostruzione del passato e la passione per farlo nel migliore dei modi. Per leggere tutta la recensione clicca sul nome dell’autore. Deborah | La Stamberga d’Inchiostro

Leggi »

Zeno Cavalla dà alle stampe un gioiello

Zeno Cavalla dà alle stampe un gioiello caleidoscopico, multisfaccettato, scintillante, scritto in stato di grazia, che si legge in un lampo ma per molto più tempo permane nel cuore: da non farsi sfuggire. Cliccare sul nome dell’autore per leggere tutta la recensione. Gabriele Ottaviani | Convenzionali

Leggi »

Complimenti alla casa editrice per aver scelto quest’autrice

Uomini e donne che fanno conoscenza, si approcciano e riscoprono l’essere maschio o femmina. A tavola o a letto, le loro vite mischiate sono originali e danno origine a utili riflessioni. Scrittura scorrevole e molto attuale. Editing come si deve. Complimenti alla casa editrice per aver scelto quest’autrice. Vi invito a leggerlo, vi piacerà. Per leggere la recensione completa cliccare sul nome dell’autrice. Federica Belleri | Liberi di Scrivere

Leggi »

Le “Sirene” tra i 9 libri da leggere per l’estate

È una delle letture fatte di recente che più mi ha sorpresa, anzi spiazzata. Continuavo a leggere, non volevo che finisse e quando è finito ho avuto il blocco del lettore per 24h, tanto mi ero affezionata ai personaggi e alla storia. (Clicca sul nome dell’autore per leggere tutto l’articolo) 4.0 Blog

Leggi »

Non tutti i tradimenti vengono per nuocere

Accasarsi quando non si ha l’età: quante possibilità, quanti sogni può precluderci? Si rischia di lasciarsi sfuggire le tappe, i colpi di testa, gli sbagli della gioventù, le discoteche e la leggerezza del sesso occasionale. (Leggi tutta la recensione cliccando sul nome dell’autore) Mr. Ink/Diario di una dipendenza

Leggi »